Perché "gente senza partito"?

"Perugia: Social City - GENTE SENZA PARTITO"
È NECESSARIO SPIEGARSI ANCORA!
Perché "gente senza partito"?

Ora che siamo nel tempo di votare, per ridare a Perugia un nuovo Consiglio comunale e un nuovo Sindaco, è necessario ribadire il concetto che sta dietro all'affermazione che facciamo quando diciamo "ne di destra ne di sinistra" e ci definiamo "gente senza partito".

Come mi è capitato molte volte di dire e non mi stancherò mai di ripetere, ormai i partiti sono diventati un viatico di interessi personali dei vari personaggi politici che vi transitano. Hanno lasciato in disparte l'ideologia che li ha distinti (male) fino ad ora per diventare lo strumento da "guerra" adatto solo ai pochi "vip" della loro specifica sponda che tutto vogliono meno che gli interessi della collettività di cui fanno parte (ecco il virus che infetta; come il caso di "sanitopoli" che purtroppo ha colpito, in questi giorni, tutta l'Umbria).

Nelle varie campagne elettorali (come succede in questa) possono intervenire i personaggi più vip di qualsiasi partito politico ma, come ogni volta, è all'insegna del "Noi siamo quelli che abbiamo fatto questo, quest'altro e quant'altro c'era da fare, mentre gli altri non sono stati capaci". Oppure: "Nei cinque anni futuri ci impegneremo per questo, quest'altro e quant'altro". Neanche da dire, perché si capisce benissimo, che invertendo l'ordine dei fattori il risultato non cambia (che sia la destra o la sinistra a fare questi discorsi non c'è diversità).

Poi, ogni tanto, mettono in onda, a beneficio loro non certo dei cittadini, quella commedia dei Consigli aperti che servono solo a ratificare ciò che era frutto di accordi di palazzo e non certo per rendere la comunità parte attiva e concreta di una reale partecipazione.

Ma, per fortuna, noi di "Perugia: Social City" siamo convinti che esista un'altra strada percorribile: essere autonomo nel proprio pensiero (perché non appartenere a nessun partito vuol dire proprio questo) e quando necessario, con questo presupposto, avere la possibilità, di volta in volta per lo specifico problema di cui si discute, di essere favorevole alla soluzione migliore, sia che venga dalla destra quanto dalla sinistra.

Per noi questo significa essere dalla parte della Collettività della nostra città.

(leggi il post di qualche tempo fa:)

https://www.perugia-social-city.it/liberta-di-giudizio-fondamentale/ 

Perugia 19 aprile 2019

Giampiero Tamburi (Perugia: Social City)

(candidato nella lista civica "PERUGIA CON IL CUORE - candidato sindaco Carmine Camicia)