Consulta cittadina

                        Vuoi leggere gli articoli?

                          Fai il login o iscriviti. (login)

Sarò il sindaco di tutti: (clicca)

Il cielo in una stanza: (clicca)

A Mosca tutto perfetto: (clicca)

QUESTE SONO LE MOTIVAZIONE CHE CI INDUCONO AD ORGANIZZARSI PER RAGGIUNGERE GLI OBBIETTIVI CHE CI SIAMO PROPOSTI.

Cosa abbiamo ottenuto fino ad ora, noi cittadini, da chi ci ha amministrato?

Solo di essere lasciati a se stessi con i medesimi problemi di sempre, da una politica che non si è mai fortemente e significativamente interessata, nei fatti, della sicurezza e del benessere dei suoi amministrati!

Per ciò, coerente con me stesso, ho cercato e cercherò sempre, in futuro, di prendere le distanze da quei partiti così detti storici che hanno consumato e che consumano, il loro tempo in una lotta per la supremazia di uno sull'altro.

Le ultime votazioni amministrative, con il 60% circa di preferenze ad una sola coalizione, hanno regalato Perugia ad una politica che potrà, attraverso i partiti che la sostengono, esercitare una egemonia assoluta di autoritarismo nelle scelte di gestione della città, motivo di una oggettiva mancanza di numeri che potrebbero favorire l'opposizione che, in un paese moderno si chiama "democrazia".

Perciò, l'unica cosa possibile è quella di continuare, come "Perugia: Social City" ha fatto da molti anni, la scelta di individuare e portare avanti degli obbiettivi concreti per risollevare le sorti della nostra città; seguitando a percorrere la strada già intrapresa, non dipendente da qual si voglia schieramento o partito politico.

I problemi pratici da risolvere che interessano direttamente noi cittadini sono tanti tra cui, i più importanti individuati a cui questa associazione ha rivolto il suo interesse sono:

- La manutenzione e la sicurezza delle aree verdi pubbliche le quali devono essere gestite in modo che sia possibile, al cento per cento, renderle fruibili a tutti, dagli anziani ai giovani; non rischiando, in sostanza, di trovarsi faccia a faccia con spacciatori che vi operano il loro mercato:

- Il servizio di igiene urbana, il quale deve essere organizzato ed espletato in altra forma perché, come è combinato ora, non fa altro che riempire strade e spazi urbani con mucchi di immondizia in bella vista accanto ai bidoni dedicati. La TARI è una tassa comunale non condominiale!

E molti altri che, individuati, cercheremo di risolvere.

Senza ripetersi è evidente che i partiti hanno fallito nella gestione della nostra città e i fatti valgono mille volte più delle parole e i fatti sono:

- il degrado aumenta;

- la sicurezza nelle strade diminuisce;

- lo spaccio della droga rovina i nostri giovani;

- la delinquenza organizzata fa da padrona;

ed altri moltissimi problemi che aspettano una risposta!

Togliamo Perugia dalle mani delle dinastie politiche di destra e di sinistra che non hanno saputo amministrarla.

Noi di "Perugia: Social City" siamo convinti che i cittadini debbano avere più voce in capitolo, attraverso una assoluta e reale partecipazione, per gestire i problemi della città insieme a chi "tenta" di amministrarci e quindi, come del resto da me promesso nella campagna elettorale passata, la costituzione di questa COMMISSIONE APARTITICA è pienamente idonea a raggiungere lo scopo: realizzare una Perugia realmente significativa per il benessere della collettività.

È su questa logica d'intervento che, d'ora in poi, cercherò di indirizzare i miei sforzi di cittadino "populista", "indipendente" e "libero" da qualsiasi pseudo ideologia di partito.

Giampiero Tamburi