Bettona terra contesa

 CARO ANDREA ROMIZI, ti posso fare una domanda?

Come sindaco di Perugia capisco il tuo comportamento e le decisioni che prendi per gestire la città; anche se non le condivido ma, come responsabile politico regionale di Forza Italia proprio non riesco a comprendere come tu sia indifferente a certe scelte e comportamenti che i tuoi volenterosi unitari di destra hanno quando si tratta di "intrufolarsi" in mezzo tra Forza Italia e la sinistra.

Cosa voglio dire? Semplice!

In un paese come Bettona che al massimo conterà 4000 anime residenti di cui, si e no, alle urne ne andranno 3000, non si comprende come sia possibile che ci siano 4 liste a sfidarsi a "singolar tenzone" per il rinnovo del Consiglio Comunale e per la poltrona di primo cittadino!

Lasciamo perdere la sinistra che in pieno marasma politico, non sanno quello che fanno e ne presentarne due ma voi che a livello nazionale non fate altro che cantare "la ballata" dell'unità della destra, quando è il momento di realizzare questa benedetta unità a livello comunale, sentendo l'odore del potere di gestione sui Comuni, tutto viene messo in discussione.

Va bene! Tu mi dirai che Fratelli d'Italia sono particolari e lo dimostra il fatto che non sono in quel Governo "accozzaglia" nazionale di Draghi ma, eziandio, non confondiamo le strategie politiche nazionali con le realtà che vivono gli amministratori ai livelli comunali!

Ora la domanda che mi premeva farti è questa: che cosa hai fatto tu, come coordinatore regionale di Forza Italia, per fermare questo abominio politico che si sta consumando in quel paese per il quale, inesorabilmente, porterà la destra a doversi allontanare dagli scranni del Palazzo Comunale? (leggi qui)

Giampiero Tamburi